Economia

Economia

Un sistema economico affinato nel corso del tempo

.

Il commercio a San Marino

Com’è organizzata l’economia sammarinese?

Nella Repubblica di San Marino sono presenti circa 5000 imprese.
 
Di queste, più del 33% è rappresentato da industrie e, a seguire, assicurazioni, servizi, pubblica amministrazione fino ad arrivare alle aziende di agricoltura che rappresentano la percentuale minore.

Il settore agricolo, però, nonostante non rivesta un ruolo di primaria importanza è molto conosciuto per le produzioni tipiche e biologiche sammarinesi. La tendenza, infatti, è quella di proporre solo prodotti ortofrutticoli di qualità con particolare attenzione all’assenza di elementi chimici.

La facciata del palazzo

Curiosità

Sapete che nel centro storico di San Marino è possibile ancora visitare le botteghe artigiane e acquistare prodotti realizzati secondo le tecniche della tradizione? È possbile imbattersi, infatti, in negozi ricchi di produzioni locali con ceramiche dipinte a mano, oggetti d’oro, utensili lavorati in ferro, materiali preziosi e ricami raffinati. 
Inoltre, nella Repubblica di San Marino, sono stati edificati numerosi centri commerciali che ospitano negozi di ogni genere, ristoranti e sportelli bancari.

La facciata del palazzo

Cosa serve per avviare un’attività commerciale a San Marino?

Aprire una nuova attività commerciale nella Repubblica di San Marino è senz’altro una scelta vantaggiosa per l’imprenditore. La licenza per le imprese di nuova costituzione è, dal primo al quarto anno, del tutto gratuita.

Inoltre, a tutte le attività d'impresa si applica quanto segue:
- abbattimento reddito imponibile dal 40 al 90% fino ad un ammontare pari agli investimenti in beni strumentali o immobiliari;
- deduzione perdite fiscali dal reddito imponibile fino all’80%;
- dividendi a persone fisiche tassati al 5%;
- royalties a soggetti non residenti tassati al 20%.

I costi sono integralmente deducibili ad eccezione di:
- spese di pubblicità e sponsorizzazioni deducibili fino all'8% dei ricavi di gestione;
- elaborazione dati ricerche di mercato deducibili fino al 10% dei ricavi di gestione;
- spese di rappresentanza deducibili fino al 5% dei ricavi di gestione.

Queste limitazioni possono essere rimosse se si dimostra che le operazioni rispondono all'interesse economico dell'impresa e hanno avuto concreta attuazione.

La facciata del palazzo

A quanto ammonta il costo del lavoro?

Per ogni dipendente aziendale, le spese da sostenere sono:
- a carico dell’impresa: 26,6% sulla retribuzione lorda di ogni dipendente (per malattia, gravidanza, assegni familiari, ammortizzatori sociali);
- a carico del lavoratore: 6,7% sulla retribuzione lorda.

Curiosità

Sono diversi gli sgravi contributivi che un imprenditore può richiedere per i suoi dipendenti.
Maggiori informazioni su www.ufficiodellavoro.sm e www.agency.sm.

La facciata del palazzo