Bandi

FAQ “Bando per l’affidamento del servizio di consulenza per la realizzazione del piano strategico per lo sviluppo del turismo”

 FAQBando per l’affidamento del servizio di consulenza per la realizzazione del piano strategico per lo sviluppo del turismo

  • E' prevista la partecipazione con A.T.I.?

L'A.T.I. non è ammessa. L'impresa proponente deve dimostrare di avere la capacità economica e tecnico professionale di assolvere l'incarico e potrà avvalersi di tecnici e organi tecnici (con rapporto di collaborazione facente direttamente capo al proponente) che si occuperanno anch'essi del servizio in affiancamento del coordinatore/responsabile.

  • Cosa si intende per licenza di esercizio? Per licenza di esercizio in italia si intende la visura dalla quale si evince che l'impresa è attiva e può operare.
     
  • In merito al punto lettera “f” di cui al paragrafo “4.” Si precisa che il numero massimo di facciate di cui si compone l’offerta è 12.
     
  • Cosa si intende per “riattivazione”dell’Osservatorio?

Dal 2008 al 2015, l’Osservatorio Turistico è stato gestito da un’azienda privata, che ha monitorato l’andamento dei flussi turistici ed escursionistici della Repubblica di San Marino. Al punto 1.3 del Piano di Marketing Triennale è presente il consuntivo di riferimento  per il relativo periodo .

  • Cosa implica in concreto per la compagine eventuale vincitrice del bando in riferimento all’Osservatorio Turistico?

Come previsto all’art. 5 del Regolamento nr. 6 del 10/04/2008, l’azienda vincitrice dovrà seguire le indicazioni del Comitato di Indirizzo dell’Osservatorio Turistico,in ottemperanza a quanto previsto all’articolo 12 del suddetto regolamento.

  • Si presuppone un affidamento a terzi dell’Osservatorio Turistico oppure un’attività di assistenza tecnica ad UPECEDS  per la gestione dell’Osservatorio?

L’analisi dei dati verrà fornita dall’Ufficio Informatica, mentre l’azienda dovrà fornire la propria expertise e assistenza tecnica, ovvero indicazioni e suggerimenti in merito all’attività di elaborazione e lettura del dato.

  • La gamma dei fenomeni turistici da monitorare e delle variabili statistiche da rilevare è stata modificata dalla data di pubblicazione del Regolamento nr. 6 del 10/04/2008?

Le variabili rilevate sono previste dall’art.3 del suddetto regolamento. Dal 2011, per la presenza nelle strutture ricettive, è stato attivato il sistema di registrazione degli ospiti “web alloggiati”, la cui compilazione è necessaria ai fini di pubblica sicurezza. Il panel delle strutture ricettive potrebbe esser utilizzato per monitorare i dati relativi al prezzo medio e all’occupazione media delle camere.

  • E’ possibile partecipare al bando solo come società oppure come singoli consulenti?

E’ possibile partecipare al bando solo in forma di impresa di persone o capitali.

  • E’ possibile avvalersi dell’istituto dell’avvalimento?

Nella Repubblica di San Marino l’Istituto dell’avvalimento non esiste.

  • laddove è richiesta documentazione firmata (ad es. in fase di dichiarazione o autodichiarazione) se è consentito firmare digitalmente?

No, non è consentita la firma digitale

  • Le imprese  non sammarinesi devono comunque computare al lordo l’IVA applicata dalla nostra legislazione vigente (22%) o l’Ente a cui sarà fatturato il servizio si avvale dell’articolo 7ter “Fuori campo IVA”?

Il computo dovrà essere effettuato esente IVA, con ritenuta alla fonte del 20%.

  • punto 4, lettera B, licenza di esercizio in corso di validità: va bene la visura camerale?

Si va bene la la visura camerale

  •  punto 4, lettera d5: dobbiamo inviare il casellario giudiziale?

L'idoneità del soggetto giuridico, così come definita dall'art. 1 comma 1 del D.D. 117/2014, prevede diversi requisiti e nello specifico per un soggetto di diritto italiano:

- La non presenza di procedure, punti i) e ii) del suddetto articolo, che si evince o dal certificato di iscrizione alla Camera di Commercio (diverso dalla VISURA CAMERALE) o da apposito certificato reperibile sul portale www.registroimprese.it.

- Per il punto iii) è necessario l'apposito certificato che rilascia l'Ufficio Industria Artigianato e Commercio

-  Per il punto iiii) richiediamo il certificato di Equitalia, nel quale sia specificata la non presenza di azione esecutive ad opera della stessa.

  • Punto 4, lettera d6 e d7: va bene la visura camerale?

Si va bene la la visura camerale

  • L'offerta economica dovrà essere fatta indicando la percentuale di ribasso su ogni singola voce indicata oppure sul totale?

L'offerta economica dovrà essere formulata per ogni singola voce

  • La percentuale di ribasso può essere diversa da voce a voce? si
     
  • Nel plico sigillato è necessario inserire trae buste separate, una amministrativa, una tecnica e una economica?

No, non è necessario separare le buste.

  • Successivamente all'assegnazione dell'incarico per la realizzazione dei piani strategici, verranno lanciati ulteriori bandi per la loro implementazione?

No, la fase applicativa dovrà essere curata dall'azienda vincitrice.

  • la scheda riassuntiva della comprovata esperienza nel settore è inclusa all'interno delle 12 facciate dell'offerta tecnica?

No, la scheda va preparata separatamente rispetto all'offerta tecnica.

  • Modalità di partecipazione e termini di iscrizione alla lettera g): Se indichiamo un software da utilizzare a seguito del termine del contratto il relativo costo è da indicare a parte, quindi non incluso nella nostra offerta?

Se l'utilizzo del software contempla un canone o una fee di utilizzo, il costo è da indicare a parte rispetto all'offerta.


    •    Si richiede di specificare cosa si intende per "apposito certificato che rilascia l'Ufficio Industria, Artigianato e Commercio" necessario per validare il requisito di cui al punto iii) dell'articolo 1, comma 1, del D.D. 117-2014, e il relativo corrispondente da produrre in caso di impresa con sede nel territorio italiano.
il "Certificato di revoca licenza" viene rilasciato direttamente dall'ufficio industria e non è sostituibile da certificazione di altro ufficio / ente straniero poichè riguarda l'ordinamento sammarinese. Pertanto l'unico mezzo per ottenerlo è rivolgersi all'ufficio stesso.

    •    Se la documentazione di cui ai punti d1) d2) d3) può essere sostituita con dei documenti italiani stante la natura differente dei reati e più precisamente con il Casellario Generale per il Legale rappresentante e con il certificato dei  Carichi Pendenti per il Legale rappresentante.  I punti d2) e d3) parlano solo di legale rappresentante e non di società pertanto si chiede se tale documentazione debba essere prodotta anche per la società. I documenti da presentare per i requisiti d1) d2) e d3) sono il certificato Generale del Casellario Giudiziale, il certificato dei Carichi Pendenti  rilasciato dalla Procura presso il Tribunale di residenza ed il certificato di godimento dei diritti politi rilasciato dal Comune di residenza.

    •    Per i punti d4) e d5) per la dichiarazione di "non inidoneità", sia per l'impresa sia per il legale rappresentante occorre il certificato di iscrizione alla Camera di Commercio italiana, occorre un certificato di Equitalia che specifica la non presenza di azioni esecutive oppure semplicemente una dichiarazione sostitutiva di certificazione?
L'idoneità della persona fisica, così come definita dall'art. 1 comma 1 del D.D. 117/2014, prevede diversi requisiti e nello specifico per un soggetto italiano:
Per il punto a) certificato Generale del Casellario Giudiziale, il certificato dei Carichi Pendenti  rilasciato dalla Procura presso il Tribunale di residenza ed anche presso il Tribunale di San Marino
Per i punti b) e c) è necessario l'apposito certificato che rilascia l'Ufficio Industria Artigianato e Commercio
Per il punto d) certificato Generale del Casellario Giudiziale rilasciato dalla Procura presso il Tribunale di residenza
Per il punto e) il certificato di Equitalia, nel quale sia specificata la non presenza di azione esecutive ad opera della stessa.
Per il punto f) il certificato di residenza

L'idoneità del soggetto giuridico, così come definita dall'art. 1 comma 1 del D.D. 117/2014, prevede diversi requisiti e nello specifico per un soggetto di diritto italiano:
La non presenza di procedure, punti i) e ii) del suddetto articolo, che si evince o dal certificato di iscrizione alla Camera di Commercio (diverso dalla VISURA CAMERALE) o da apposito certificato reperibile sul portale www.registroimprese.it.
Per il punto iii) è necessario l'apposito certificato che rilascia l'Ufficio Industria Artigianato e Commercio
Per il punto iiii) richiediamo il certificato di Equitalia, nel quale sia specificata la non presenza di azione esecutive ad opera della stessa.

    •    Per il punto d6) viene chiesto il codice ateco dell'attività? La licenza attiva si evince dalla visura e quindi dallo stato dell'impresa

    •     La dichiarazione sostitutiva della certificazione, per i documenti di cui alle lettere da d1) a d7) permessa dalle normative Sanmarinesi ma redatta in Italia e vistata da un'autorità competente deve necessariamente essere redatta ai sensi delle normative italiane? Ci si chiede pertanto se sia sufficiente un generico richiamo alle normative di San Marino, redigendo la dichiarazione a norma di legge italiana. Per i punti d1 e d7 possono essere utilizzati gli stessi certificati prodotti per per i punti precedenti.

    •    In riferimento alla dichiarazione sostitutiva in applicazione art. 44 legge 189/2015, per soggetti stranieri non residenti in territorio sanmarinese, è prevista l’applicazione della marca da bollo? L'art. 44 della legge 189/2015 si applica ai soggetti stranieri non residenti  di impresa sammarinese.

 








 


Ricerca Hotel

Meteo

Icona Meteo

quasi sereno

  • 20-01-2018
  • 12:00
5 C
Dati a cura di 3BMeteo
  • dal 21/10/2017 al 18/02/2018

    San Marino Mon Amour
  • dal 09/03/2018 al 11/03/2018

    XXI Festival Internazionale della Magia